• 0 KG 0,00 € EUR
    0

Ossa e cartilagine

Dare un osso al cane ha un significato molto più importante che non quello che sento dire da tutti. L’osso non è soltanto un passatempo o un modo per pulirsi i denti. Certo, svolge anche queste funzioni molto importanti ma non solo, anzi.

Ecco cosa significa un osso nell’alimentazione dei nostri cani:

L’osso non è sostituibile da altro a mio parere, e se non si deve farne a meno, per ragioni di salute, consiglio di darlo sempre. Il rapporto di calcio/fosforo in un osso è perfetto, è ricco di proteine di alta qualità, è il miglior integratore di minerali e contiene acidi grassi essenziali (se l’osso è di pollo o di maiale). L’osso è ricco di vitamine A, D e E, ferro, rame, anti-ossidanti ed enzimi. In un osso il cane trova quasi tutto il nutrimento di cui ha bisogno.

Il cane fa un esercizio fisico e mentale sano “mangiando” delle ossa belli grandi, esercizio che aiuta molto nella digestione. Tutto il lavoro preliminare, quel lavoro duro, manda dei segnali all’intero sistema digestivo preparandolo al cibo che sta per arrivare. Questo dà tempo al sistema digestivo di attivarsi. L’impegno che mette un cane per masticare un osso… quel tirare e strappare,… è emotivamente molto soddisfacente. Al contrario di quello che molte persone pensano, sembra che l’osso tolga ogni aggressività al cane, dandogli un buon equilibrio. Questo modo di mangiare stimola anche enormemente il sistema immunitario.

Le ossa più morbide sono molto adatte a cuccioli, cani giovani e cani anziani. La trachea e la laringe sono facili da digerire. Ma basta immaginarsi una mucca intera per capire che non bisogna eccedere con trachee e laringe. Cerchiamo sempre di mantenere un buon equilibrio fra tutti gli alimenti. Le ossa più dure, come per esempio il ginocchio, sono anche più difficilmente digeribili e non adatte ai cani con poca esperienza. Con le ossa più dure c’e il rischio che il cane si rompa i denti. Attenzione all’osso buco! Lo sconsiglio vivamente a tutti. Nei cani piccoli si può infilare nella mascella inferiore e per toglierlo bisogna correre dal veterinario che a volte deve anche fare un anestesia totale per toglierlo. Nei cani grandi invece c’e il rischio che lo ingoia per intero.

E’ importante tenere presente che l’osso è fra le parti più difficili da digerire. Segnali come feci bianche e molto dure, vomitare le ossa, ossa nelle feci indicano che il cane ha problemi con la digestione dell’osso. Spesso è perche abbiamo esagerato la percentuale di osso data, basta quindi diminuire la quantità di ossa e aumentare la quantità della carne. Nel caso in cui non ci siano dei miglioramenti, bisogna diminuire ancora e a volte è consigliato di non dare l’osso per alcune settimane o mesi, sostituendo il calcio con un integratore naturale. La farina di ossa può essere un sostituto, dando al cane la possibilità di abituarsi alle ossa. Per la masticazione durante quel periodo, è utile offrire al cane la carne secca in sostituzione.

Quante volte posso dare le ossa al mio cane?

Consiglio di non offrire le ossa ogni giorno, perché la digestione di un osso è più faticosa. Le darei le ossa ogni 2-3 giorni, in modo che il tratto intestinale non debba svolgere del duro lavoro ogni giorno.

Importante: dare sempre OSSA CRUDE! Se vengono riscaldate, non solo vengono distrutte tutte le vitamine, i minerali e le proteine, ma viene anche modificata la struttura ossea, le ossa diventano fragili e possono rompersi. A quel punto abbiamo a che fare con delle ossa MOLTO PERICOLOSE! Generalmente le ossa bollite o arrostite sono più difficili da digerire e possono provocare blocchi o vomito.

La vostra Simona